Crea sito

Facce da Mondiale – ADNAN JANUZAJ

immagine tratta da www.thebiglead.com

immagine tratta da www.thebiglead.com

Si é preso tutto il tempo a sua disposizione, forse anche troppo, per decidere. Ma per fortuna lo ha fatto in tempo utile per essere arruolabile per Brasile 2014.
Adnan Januzaj ha scelto di vestire la maglia del Belgio 
i prossimi campionati mondiali dopo aver per molto tempo declinato le lusinghe di mister Wilmots e della federazione belga che avrebbe voluto già utilizzarlo nelle selezioni nazionali giovanili.


Il talentuoso 19enne esploso nella infausta ultima stagione del Manchester United è il simbolo della multietnicità, figlio di un melting pot che ha generato un caso internazionale, davvero unico nel suo genere.
Adnan Januzaj é infatti nato in Belgio da genitori kosovari, con nonni paterni di origine turca, nonni materni croata. Se si pensa che il Kosovo é diviso in
una parte albanese e una serba e che l’Inghilterra ha in tutti modiaccelerato le procedure per farlo divenire un cittadino inglese mbè..il gioco è fatto!
Sette federazioni calcistiche hanno cercato nel recente passato di accaparrarsi le sue prestazioni sportive.

Tutto questo ha generato una comprensibile confusione nella testa di un ragazzo poco più che adolescente. Ora che finalmente il nuovo Ryan Giggs, come sognano a Manchester, ha posto fine a questa lunga telenovela, finalmente si placheranno dichiarazioni, annunci, smentite, da parte dei
tanti – troppi – soggetti interessati.

Il Belgio, designato da molti addetti ai lavori come possibile rivelazione dei mondiali, ha a sua disposizione una buona dose di talenti in tutti i reparti, ed è difficile immaginare che Januzaj e il suo delizioso mancino possano essere schierati titolari. Ma grazie alle sue indiscutibili doti è facile pensare che possa ritagliarsi il suo spazio all’interno della manifestazione iridata.
Proprio la competitività della nazionale belga in questo momento storico può essere stata una importante discriminante. 
Una scelta di cuore certo, ma anche di testa!

di Claudio Gadaleta

Author: Redazione Autogol al Novantesimo

Share This Post On