Crea sito

#GdV – #F1: PAGELLE, ORDINE D’ARRIVO E CLASSIFICHE DOPO IL GP DI CINA

Immagine tratta da https://www.facebook.com/MercedesAMGF1

Immagine tratta da https://www.facebook.com/MercedesAMGF1

MERCEDES – VOTO 10:
Tornano a fare quello che negli ultimi tempi gli riesce meglio: VINCERE! In qualifica la supremazia è ancora netta, in gara si assottiglia, ma sono ancora loro i più veloci del circus. Hamilton domina il weekend e lo “controlla” per sua stessa ammissione; l’unico voto che può meritare è un bel 10 con lode dopo aver ottenuto pole, vittoria e giro veloce. Deludente invece Rosberg che sembra essere un pilota diverso. Lo scorso anno ci aveva abituato ad i battibecchi con il compagno perché era troppo determinato ed aggressivo, ora invece passa il tempo a lamentarsi perché Lewis lo starebbe “danneggiando” andando troppo lentamente. Voto 6 dovuto alla mutazione da secondo pilota che non ci piace; un voto dato un po come quando a scuola i prof. dicono “ha le possibilità ma non si applica, il voto è per spronarlo a fare di più”.

FERRARI – VOTO 9.5
Non sbagliano nulla ed ottengono il massimo. Sarebbe un 9 ma il mezzo voto in più va per il nuovo spirito del team ritornato intraprendente, (vedi le parole di Arrivabene dopo le qualifiche e l’idea, rimasta poi tale, di fare il pit stop negli ultimi 3 giri per ripartire con gomme nuove l’ultimo giro all’arrembaggio in perfetto stile qualifica, peccato per la lentezza dei commissari). Vettel merita un 9, Raikkonen un 9- anche se i primi Km di quest’ultimo sono la cosa più emozionante della gara.

WILLIAMS – VOTO 8
Ribadiamo il concetto dello scorso GP. Sono la terza forza del campionato ma sarebbe bello vederli più propositivi, anche perché la Ferrari sembra ormai più forte e la Lotus in netta ripresa, rischia di poterli insidiare molto presto. I due piloti subisco il sorpasso di Raikkonen e poi fanno poco altro; Voto 7.5 per Massa, che vince il duello tra compagni di team e voto 7 a Bottas.

LOTUS – VOTO 8.5
Meritano mezzo voto in più dei rivali sponsorizzati Martini, perché il loro andamento è esattamente opposto rispetto a quest’ultimi, nonostante siano ancora inferiori. La vettura però sta crescendo e se non fosse per un Maldonado in versione “Pierino”, che ne combina di tutti i colori (non sarebbe nelle retrovie a lottare con Button se non commettesse primi i suoi errori), potrebbero avere tutte e due le vetture in zona punti. Grosjean si becca un 8, Pastor invece un bel 4!

TORO ROSSO – VOTO 6
Aerodinamica, telaio e piloti da 8 e forse anche qualcosa in più (in particolare Verstappen, voto 8.5, che fa una gran bella gara e regala dei sorpassi decisi in stile Ricciardo); peccato che la PU Renalt non meriti la sufficienza ed abbassi la media voto della giovane combriccola faentina. A che livello sarebbero se avessero ancora la PU Ferrari dato che il telaio, a parità di motore Renault, sembra essere di gran lunga migliore di quello della casa madre Red Bull?

SAUBER – VOTO 7.5
La vettura è buona, veramente buona ed entrambi i piloti vanno a punti ancora una volta. Nasr è sicuramente il più quotato dei due piloti e merita un 7.5. Ericsson 7-; prima si fa infilare facilmente da un Ricciardo in stile Webber (sbaglia la partenza e poi cerca di rimediare durante la gara) e meriterebbe un 6-, poi capisce come reagire e prova fino all’ultimo a resistere, facendo vedere un bel duello con un avversario sicuramente difficile e per questo alza il suo voto finale.

TUTTI GLI ALTRI
McLaren merita un 2 perché la storia dello sviluppo durante le prime gare, per un team così blasonato inizia ad essere scocciante; i due piloti, Alonso e Button sono senza voto, anche se meriterebbero un 10 per la pazienza!
La Red Bull è affetta da pessimismo cosmico, ed invece di cercare il modo di risalire la china, pensa a come criticare prima il regolamento (ma la Ferrari li smentisce subito), poi la PU Renault (sicuramente al di sotto delle aspettative, ma il telaio non sembra da meno dato che vengono costantemente bastonati dal team satellite e dai suoi due giovanotti).
La Marussia passeggia tranquillamente con due piloti che fanno rimpiangere il povero Bianchi ad ogni curva.

L’ordine di arrivo
1. Lewis Hamilton (Mercedes) in 1h 39’42”008 a 183.590 km/h
2. Nico Rosberg (Mercedes) a 0”714
3. Sebastian Vettel (Ferrari) a 2”988
4. Kimi Raikkonen (Ferrari) a 3”835
5. Felipe Massa (Williams) a 8”544
6. Valtteri Bottas (Williams) a 9”885
7. Romain Grosjean (Lotus) a 19”008
8. Felipe Nasr (Sauber AG) a 22”625
9. Daniel Ricciardo (Red Bull) a 32”117
10. Marcus Ericsson (Sauber AG) a 1 giro
11. Sergio Perez (Force India) a 1 giro
12. Fernando Alonso (McLaren) a 1 giro
13. Jenson Button (McLaren) a 1 giro
14. Carlos Sainz Jr (Toro Rosso) a 1 giro
15. Will Stevens (Marussia) a 2 giri
16. Roberto Merhi (Marussia) a 2 giri
17. Max Verstappen (Toro Rosso) a 4 giri
Ritirati: Maldonado (Lotus), Kvyat (Red Bull), Hulkenberg (Force India)

 

Mondiale piloti
1. Hamilton 68
2. Vettel 55
3. Rosberg 51
4. Massa 51
5. Raikkonen 24
6. Bottas 18
7. Nasr 14
8. Ricciardo 11
9. Hulkenberg 6
10. Verstappen 6
11. Grosjean 6
12. Sainz jr 6
13. Ericsson 5

 

di Domenico Bergantino

 

Logo GDV

Author: Redazione Autogol al Novantesimo

Share This Post On