Crea sito

Serie A – LO SCANDINAVO ALL’OMBRA DELLA MOLE: ALEXANDER FARNERUD

© Foto Getty

© Foto Getty

Centrocampista 29enne, classe ’84, lo svedese Alexander Farnerud è una delle sorprese più piacevoli di questo campionato.
Giocatore di grande qualità e quantità, capace di ricoprire più ruoli sulla mediana e sulla trequarti di campo, possiede un ottimo tiro (è un mancino naturale) ed una grande dedizione al sacrificio.
Gli inserimenti senza palla sono un suo punto forte, i quali dimostrano un’ottima capacità di interpretazione tattica della partita.
Forte fisicamente (alto 182 cm) ha nella versatilità tecnico-tattica una delle sue migliori caratteristiche.

Arrivato in estate a Torino per una somma vicina ai 2 milioni di euro, direttamente dagli Young Boys, Farnerud è giunto a Torino con un bagaglio importante; 335 erano le sue presenze in carriera prima di iniziare la sua avventura in granata, e 54 le segnature (divise tra Landskrona BoIS, Strasburgo, Stoccarda, BrØndy ed appunto Young Boys).
Membro stabile della nazionale svedese, ha totalizzato 70 presenze con le selezioni gialloblù (Under comprese) mettendo a segno 26 reti.

Nonostante la sua grande esperienza, anche internazionale (35 presenze nelle coppe continentali), Farnerud è arrivato nel campionato italiano senza far troppo rumore, quasi passando inosservato.
Partito solo 2 volte titolare (e poi sostituito) nelle prime 6 giornate, lo svedese stava prendendo sempre più le sembianze del cosiddetto “oggetto misterioso”.
Non negative le sue prestazioni, ma neanche positive al punto da lasciar il segno nei tifosi granata, e nelle partite del suo Torino.
Ma poi, la svolta che non ti aspetti.

Ottava giornata, partita tra Torino ed Inter (terminata con un pirotecnico 3 a 3), Farnerud sigla la rete del momentaneo vantaggio. Quella rete ha rappresentato la svolta per il centrocampista svedese; infatti, dopo le 4 giornate saltate per infortunio (dalla giornata 9 alla 12) Farnerud le ha giocate tutte da titolare, uscendo dal campo solo in due occasioni ad incontro quasi ultimato, e mettendo a segno altre 2 reti importanti per il suo Torino.
La società si gode il proprio calciatore che sti sta rivelando un ottimo innesto per il Torino.

Dopo una partenza in sordina, quindi, senza ne svarioni ne acuti, lo “svedese-granata” ha scalato le gerarchie divenendo uno degli uomini di fiducia di mister Ventura.

Autogol al Novantesimo

di Rocco Lucio Bergantino

Author: Redazione Autogol al Novantesimo

Share This Post On